AstraZeneca sotto la lente d’ingrandimento

86 casi di trombosi venosa cerebrale su 25 milioni di somministrazioni = 0,000003%

PREMESSA

I farmaci e vaccini attraversano una storia di alcune fasi: dopo la verifica preclinica in laboratorio si passa agli studi sull’uomo.

  1. 1ª fase si verifica la tollerabilità su 100 soggetti, poi lo studio viene condotto in 2ª fase su 3.000 persone volontarie, nella 3ª fase su 30.000 volontari per saggiare dose efficace e tollerabilità.
  2. Quindi, se vengono superate le fasi previste, i lavori sono sottoposti alle Agenzie regolatorie che valutano la sperimentazione.
  3. Se passa questo vaglio si procede alla messa in commercio.
  4. Messo in commercio, si procede alla 4ª fase odierna (farmacovigilanza) di osservazione su milioni di persone.
  5. Durante la 4ª fase si raccolgono nuovi dati e si correggono le indicazioni di utilizzo dei farmaci o dei vaccini.

COSA SI È OSSERVATO

  • Sotto i 60 aa si sono verificate più eventi trombotici dell’atteso nella popolazione non vaccinata.
  • Sopra i 60 aa si sono verificate meno eventi trombotici che nella popolazione non vaccinata ultra 60enne.
  • Nesso di causalità possibile (anche se non dimostrato definitivamente).
  • Non sono emersi fattori di rischio.
  • In Italia -per estrema cautela- si preferisce un utilizzo negli over ‘60 (in Inghilterra dai 30 aa in su).
  • Il vaccino ha dimostrato efficacia vicino al 100%.
  • Rapporto di rischio costo/beneficio (possibilità di decesso post vaccino o post COVID) sicuramene a favore del vaccino.
  • Molti farmaci abitualmente usati hanno un tasso di eventi mortali superiori (es. anticoncezionali, antibiotici).
  • 1/10.000 ha trombosi dopo viaggio aereo.
Condividi questo articolo
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter